• 27.06.2017
  • #note

3 Cose da fare se vuoi essere un Leader tra i Product Designers

Nell’immenso oceano di informazioni online possiamo reperire numerosi contenuti utilissimi, però molto spesso sono e restano scritti in lingua inglese. Oggi abbiamo deciso di tradurre per voi un articolo molto interessante scritto da David Gillis, Product Design di Facebook. L’articolo in questione approfondisce i tre  comportamenti che secondo Gillis rendono un product designer il leader nella sua squadra.

Le aziende investono sempre più nel design dei prodotti che creano e i product designers cercano di fare sempre più la differenza nel mercato.  Durante gli anni, ho avuto l’opportunità di incontrare e lavorare con professionisti eccellenti. E anche se non c’è un solo modo per diventare veri leader, voglio riassumere le tre caratteristiche funzionali che ho notato in tutti i designer che ammiro.


1. Aiutano la squadra a vedere gli obiettivi a lungo termine

Un leader di progettazione fa sì che l’intera squadra abbia un punto di vista comune per vedere ciò che funziona e ciò che non funziona, per capire cosa si potrebbe realizzare e verso dove si può puntare.
Talvolta questo significa concepire in maniera indipendente nuove idee, ma più spesso i leader di design canalizzano ed ingrandiscono l'ingegnosità creativa del loro team di prodotti in modo cross-funzionale: PM, ingegneri, altri progettisti, strateghi di contenuto, ricercatori, scienziati di dati, ecc. In pratica:

  • Quando il problema a cui un team sta lavorando è ancora ambiguo, un leader porta chiarezza. Il suo lavoro trasforma i concetti astratti in artefatti tangibili, dando loro forma, sostanza e coerenza.
  • Quando ci sono un sacco di personalità in gioco, eleva la prospettiva della squadra - integrando elementi disparati in un quadro olistico, dove tutto è con soluzione di continuità e maggiore della somma delle parti.
  • Quando ci sono più percorsi da percorrere, un leader aiuta a seguire la giusta direzione - evidenziando le opportunità che dimostrano il maggior potenziale di impatto, illuminando i compromessi nascosti e stabilendo le strategie verso una visione più grande.

Le squadre dotate di leader di questo calibro hanno un quadro chiaro di come si dovrebbe procedere per raggiungere gli obiettivi prefissati. Questa capacità organizzativa li aiuta ad avere un’idea reale a proposito di dove vogliono andare e permette loro di essere più intenzionali nelle decisioni che compiono collettivamente durante il percorso che porta al raggiungimento dell’obiettivo.


2. Aiutano a radunare la squadra intorno ad un punto di partenza comune

Un progettista leader favorisce un allineamento forte della squadra attorno alle proprie priorità, ai principi e alle ipotesi di lavoro - in modo che esista un punto di partenza condiviso da cui partire.
Senza questo punto di partenza condiviso si crea confusione ed i componenti del gruppo rischiano di suddividersi in fazioni disparate o, nel peggiore dei casi, diventare lupi solitari.

Per incitare la squadra non è necessario avere il carisma di una rockstar o essere dei maghi creativi. Al contrario: alcuni dei dirigenti di design più efficaci con cui ho lavorato sono calmi, raccolti e, anzi, tengono un basso profilo rispetto al loro lavoro. Hanno forti intuizioni, ma il processo che seguono è altamente strutturato, razionale ed accessibile. Ecco alcuni modi in cui questo atteggiamento porta benefici:

  • Quando la squadra non si è completamente associata alla strategia del prodotto, un leader di design aiuta nell’organizzazione, creando impalcature logiche (ad es. Grafici per ideare idee, principi di progettazione, dichiarazioni sui problemi di persone ecc.)
  • Quando una direzione proposta è speculativa, aggiunge rigore - aiutando a definire le ipotesi causali, raggruppando i dati o gli esperimenti per convalidare / invalidare e passi successivi da compiere.
  • Quando non è chiaro dove iniziare o a quale lavoro dare priorità, mette a fuoco - aiutando la squadra ad affinare gli elementi più importanti per ottenere la giusta esperienza di prodotto.

Seguendo questi principi, le squadre percepiscono un senso unitario, ogni membro del team conosce il proprio ruolo e il percorso che deve seguire insieme ai colleghi per raggiungere gli obiettivi finali.


3. Aiutano la squadra ad affrontare gli obiettivi difficili

Un leader di design aiuta la sua squadra a rimanere creativa, costruttiva e ad avere una mentalità aperta alla ricerca di soluzioni creative ai vari problemi che potrebbero insorgere.

Per esempio:

  • Quando si verificano blocchi o battute d'arresto, aiutano la squadra ad adattarsi ai cambiamenti - rivedendo rapidamente le ipotesi e iterando il design del prodotto intorno a nuove informazioni e vincoli.
  • Quando non si riesce a definire la responsabilità rispetto ad un rischio da correre o di fronte ad una sfida chiave, si buttano nella mischia - sfruttando la propria esperienza e i propri punti di forza, assumono la responsabilità dei rischi, oppure sostengono il dibattito dei componenti della squadra per definire un nuovo piano d’azione. Il vero leader sa come assegnare in modo equo le responsabilità.
  • Quando l'esecuzione non centra il livello di qualità voluto, guidano il lavoro rinnovando o collegandosi alla visione, modellando le responsabilità necessarie al raggiungimento dei risultati e trovando modi pratici per ottenere risultati migliori in concerto con la squadra.

Le squadre guidate da progettisti leader hanno una mentalità flessibile, disciplinata e sempre "avanzata". Possono trasformare le sfide in vincoli e sollecitazioni creative - per continuare a raggiungere obiettivi importanti.


Conclusione

Se dovesse rimanervi in testa qualche concetto presente nel mio articolo, spero sia il fatto che la caratteristica indispensabile del progettista leader è che deve, prima di tutto, avere a cuore la propria squadra, perché solo questo può portare alla produzione di un impatto creativo e produttivo di successo.

Essere un leader nella progettazione non vuol dire essere la voce più dominante della stanza o ottenere il design più puro a tutti i costi. Non è neanche qualcosa che si può comprare o fingere di avere. Essere un leader significa guadagnare la fiducia del proprio team. I leader di design sfruttano i loro punti di forza, le loro competenze e le numerose pratiche creative per catalizzare:

  1. Una visione chiara e convincente degli obiettivi da raggiungere;
  2. Un punto di partenza condiviso e ben definito;
  3. Una maggiore capacità di ripresa di fronte alle avversità.

In questo modo, i leader di design moltiplicano la capacità del team di produrre migliori risultati: prodotti e funzionalità più preziose, più facili da utilizzare e che  mostrano un livello più elevato di progettualità e di qualità.

Fonte: www.medium.com