• 12.09.2018
  • #note

Il libro come strumento di comunicazione e marketing

Se volessimo dare una definizione al concetto di letteratura aziendale, potremmo affermare che per letteratura aziendale si intende l’insieme del materiale pubblicato a supporto della comunicazione e pensato per sostenere gli obiettivi e le strategie organizzative. La letteratura aziendale prevede l’ideazione, creazione e pubblicazione di vere e proprie opere letterarie, che spesso si concretizzano nel dispositivo tipico della letteratura: il libro.

Scrivere un libro può diventare strategia di marketing e comunicazione?
Certamente! I sistemi di letteratura aziendale sono pensati per portare struttura, senso e coerenza in azienda, sia al suo interno, sia all’esterno. Proprio per questo motivo  dobbiamo suddividere la letteratura aziendale in pubblicazioni interne e pubblicazioni esterne. Approfondiamole insieme:


Le pubblicazioni interne: i brand books

Il brand book, detto anche libro di marca, è uno strumento utile a visualizzare la personalità di un’azienda, di un prodotto o di un servizio. In buona sostanza, si tratta di un manuale che descrive il brand e come il brand vuole mostrarsi agli occhi del pubblico. Dobbiamo pensarlo come una sorta di linea guida, utile a stabilire il modo in cui l’azienda deve entrare in contatto con le persone. E’ un lavoro molto importante, perché aiuta a rendere coerente e coesa l’immagine aziendale, all’interno, facilmente riconoscibile in ogni canale di comunicazione, dall’esterno. Strutturare un brand book e adottarlo come manuale di comunicazione permette di trasferire all’esterno un’identità solida e, in seconda battuta, concede la possibilità di annullare il confine tra utente e cliente.
Il brand book fa parte della categoria delle pubblicazioni interne perché parla direttamente alle persone che si trovano ad operare all’interno di un’azienda, aiutando a focalizzare il marchio attraverso la codifica di immagini tangibili.


Come creare un libro di marca?

  1. Scegli un formato. Seleziona una dimensione appropriata. Un volume grande e una copertina rigida e rilegata descrive bene un brand di lusso e può essere utilizzato come oggetto d’arredo in azienda, magari posizionato su un tavolino da caffè in sala d’attesa, per accogliere gli ospiti. Invece un taccuino a punto sella in formato A5 trasferisce l’idea di un brand più creativo e alla mano. E’ vero che non bisogna giudicare un libro dalla copertina, ma è vero anche che il formato che sceglierai per il brand book della tua azienda rifletterà sin da subito l’immagine che vuoi comunicare all’esterno.
  2. Raccogli molte immagini. Recupera tutte le immagini rappresentative che ti hanno accompagnato fino ad oggi: immagini ispiratrici, schizzi, pezzi stampati, testi, fotografie, motivi, campioni di tessuto. Partendo da questa varietà di materiali diversi potrai visualizzare la storia che ti ha portato a costruire l’identità del tuo marchio e il racconto che ne farai sarà sicuramente autentico.
  3. Progetta e racconta. Dopo aver accatastato pile e pile di materiale, arriva il momento di iniziare a raccontare una storia. Il tuo compito è quello di comunicare come ogni pezzetto del puzzle ha contribuito a creare il valore del tuo brand. Crea uno storyboard per connettere tutti i materiali, vedrai che da questa operazione emergerà il linguaggio visivo della tua azienda.
  4. La parte tecnica. Un brand book che si rispetti, oltre a parlare della storia e dell’anima dell’azienda e dei prodotti o servizi, è anche un codice normativo che definisca in modo chiaro e univoco l’identità della tua azienda. Logo, colori, font, copywriting, tono di voce, naming, payoff e tutto ciò che identifica la tua azienda. Allinearsi su questi punti è fondamentale sia all’interno, per creare coesione tra i dipendenti ed evitare la dispersione delle informazioni, sia all’esterno, perché muoversi in modo coeso in ambito di comunicazione offre ai clienti e agli utenti un’immagine solida, precisa, identificabile e affidabile.
  5. Rendilo reale. Il peso e la sensazione di avere tra le mani un vero libro amplificano la percezione del tuo marchio e ne aumentano la visibilità. Un libro di marca può essere stampato su misura, fatto a mano o prodotto tramite una pubblicazione print-on-demand, a seconda delle risorse.

Le pubblicazioni esterne: le monografie

Uno strumento che sta riscuotendo una sempre maggiore considerazione nella comunicazione d’impresa è la monografia aziendale. Come dice Il Professor Mario Magagnino “La monografia istituzionale d’impresa è un documento che raccoglie la biografia dell’impresa e ne illustra la strategia di sviluppo” e aggiunge “ma per quanto possa apparire semplice, in Italia è poco noto e poco diffuso, tanto che la maggioranza delle aziende lo ignora, commettendo almeno due leggerezze: rinunciare a un efficace strumento di marketing e, soprattutto, mettendo a rischio la memoria storica dell’azienda, dell’imprenditore, delle maestranze e del territorio”.
 

Questo tipo di pubblicazione, infatti, si concentra maggiormente sulla storia di un’azienda o di un particolare prodotto, se vuoi un esempio tangibile ti consiglio di visionare il progetto che abbiamo sviluppato per il Cantiere delle Marche (lo trovi qui!). Progetti editoriali come questo possono essere proposto come valido ed efficace strumento di promozione. La monografia è parte integrante delle strategie di comunicazione perché permette di rafforzare la conoscenza del marchio avvalendosi di messaggi mutuati dall’arte, dalla cultura, dalla poesia, dal cinema e dalla letteratura coniugando al brand altri temi di interesse generale, che colpiscono lettori e, quindi, clienti.


Avete mai sentito parlare di questi strumenti editoriali di comunicazione e marketing? Li avete realizzati per voi stessi o per i vostri clienti? Inviateci le foto dei vostri brand book e delle vostre monografie all'indirizzo info@tonidigrigio.it e fateci scoprire tutta la vostra creatività!