FLOWING
BRAND IDENTITY
EXTRATEGY
MONSANO (AN)
IDEATO
CESENA (FC)
2019

Extrategy e Ideato, due società specializzate nel settore tecnologico, hanno deciso di fondersi per creare una nuova realtà. Entrambe le aziende condividono aspetti metodologici legati alla filosofia lean e al concetto di open governance, che pone tutte le persone coinvolte nella struttura come parte attiva anche nelle scelte e negli sviluppi dell’impresa. A fronte di un percorso iniziato nel 2017 entrambe le aziende e i relativi collaboratori hanno condiviso non solo una visione d’insieme ma anche degli aspetti organizzativi condivisi che hanno gettato le basi della strutturazione della nuova azienda.

IL PRESUPPOSTO


La ricerca è iniziata dall’analisi della simbologia appartenente al linguaggio comunicativo delle due aziende con lo scopo di determinare un denominatore comune utile ad avviare un process propositivo.

Lo slash, indica una scelta alternativa tra due o più termini. In matematica due slash indicano due rette parallele (direzione condivisa).

L’asterisco, indica una chiusura transitiva e riflessiva di un’operazione, è un punto di riferimento (spiega bene le cose che non si capiscono).

VALORE DELL'AZIENDA
E DELLE PERSONE
VALORE DEL PROGETTO
PER IL CLIENTE
CRESCITA COMUNE
CONCETTO
OGGETTO
PROCESSO

NUCLEI
COMUNICATIVI


.1 Valore dell’azienda e delle persone
Lo sviluppo inteso come crescita personale in merito alla cultura di settore e non solo. Questo modo di intendere la crescita permea ogni fase dei processi aziendali, costituendo l’obiettivo primario per l’azienda.

.2 Crescita comune
Crescita (clienti e dipendenti) focalizzata sul miglioramento delle attività interne ed esterne dell’azienda.

.3 Valore del progetto per il cliente
Ogni progetto è un’opportunità di crescita comune. La fase operativa del lavoro crea le condizioni per costruire valore in sinergia con tutti gli interlocutori coinvolti. Allo stesso tempo si modula la gestione delle attività, la formazione e il trasferimento di know-how in maniera inclusiva, un processo costante e dialettico di ascolto e condivisione.

Lo sviluppo del linguaggio comunicativo nasce dal binomio tra concetto e oggetto. Questa duplice anima permette una narrazione condivisa delle due realtà.

IL NAMING


Il naming è un elemento parlante, proprio perché in una parola condensa una moltitudine di contenuti. Invece di caricarlo di ulteriori sovrastrutture, e di ulteriori elementi che andrebbero decodificati e che rischierebbero di rallentare il senso, abbiamo scelto una famiglia di font che attraverso la possibilità di formattazione lasciano aperte nuove prospettive. Allo stesso tempo, ci sembrava necessario evidenziare un elemento fortemente identitario, ma questo elemento non avrebbe potuto in nessun modo affiancare il nome. L’elemento identitario doveva necessariamente vivere al suo interno. Abbiamo evidenziato la W, perchè è un elemento che si presta all’intervento umano e all’interpretazione. È un elemento che vibra, che è mobile e che non è mai autoconclusivo. Il logo è frutto dell'elaborazione del team interno Flowing, in particolare di Filippo Giannesi.

I COLORI


I colori scelti per la comunicazione sono ripresi dalla comunicazione precedente delle due aziende ma reinterpretati in una chiave più vivace. A seconda dell'argomento, i colori hanno comportamenti differenti. Quando si parla dei servizi lo sfondo dei visual è blu, gli elementi grafici rossi ed il testo nero. Viceversa, quando si parla delle persone, lo sfondo sarà rosso, gli elementi grafici blu ed il testo nero.