• 21.06.2019
  • #note

I-ARCHEO.S - cultura, turismo e cooperazione

Ieri, Giovedì 20 giugno 2019, si è tenuta la conferenza stampa conclusiva del Progetto Europeo I-ARCHEO.S - Integrated System of the Natural and Cultural Heritage anche the Cultural Activities.

L’obiettivo di questo progetto è stato quello di:

  • collegare tra loro i vari soggetti pubblici e privati rafforzandone le competenze;
  • aumentare il valore attrattivo delle destinazioni turistiche meno conosciute
  • creare nuovi itinerari turistici per destagionalizzare i flussi.

In altre parole, creare un Sistema Integrato di Servizi per la valorizzazione dei Beni Naturali e Culturali capace di seguire la logica dello scambio pubblico-privato, per uno sviluppo economico sostenibile.

Per raggiungere questi obiettivi, il Progetto è stato concepito come un percorso razionale di cooperazione in cui il partenariato e un pool di esperti in sociologia, economia creativa e marketing territoriale e turistico -nelle persone di Danijel Bertovic, Rossana Cotroneo, Ottavia Ricci e Michele Trimarchi- hanno accompagnato le parti interessate nella creazione di un Cluster pubblico-privato in ciascuno dei sei territori coinvolti. Il Cluster promuove i potenzionali economici delle risorse culturali e ambientali dell’area, per trasformarli e rafforzare la loro memoria inserendoli in nuove destinazioni turistiche, tenendo in grande considerazione la loro conservazione e la sostenibilità degli interventi.

  
 

Nell’ambito del progetto, Marche Teatro e il suo Cluster -di cui fanno parte anche Tonidigrigio, Hotel Palace, Umani Ronchi, Conero Bus, Grafiche Ricciarelli, Libenzi Pubblicità, L’associazione culturale PepeLab, The Begin Hotel, VPR Impianti e tanti altri ancora- hanno lavorato in particolare per consolidare il Teatro delle Muse come hub culturale e attrattivo nel centro cittadino, potenziando il bar, il cinema, l’offerta enogastronomica, l’accoglienza, i servizi tecnici, l’accessibilità e oltra a questo, gli obiettivi futuri:

  • integrare nella comunicazione della struttura con elementi di promozione turistica, in particolare rivolti al mercato estero;
  • raggiungere stakeholders e opinion leaders nei mercati asiatici;
  • creare un circuito di spazi non deputati, di valore storico e architettonico, da valorizzare tramite lo spettacolo dal vivo e una pianificazione condivisa con le istituzioni pubbliche (Mole Vanvitelliana, Museo Archeologico Nazionale delle Marche, chiese, borgo di Polverigi, Villa Nappi);
  • innescare una dinamica di confronto e collaborazione costante, durante tutto l’anno solare, con le eccellenze turistiche ed enogastronomiche del territorio per integrare la reciproca offerta e potenziare le attività previste.
  

A questa iniziativa si aggiunge il “Piano di Trasferibilità e Implementazione dei risultati e degli output” di progetto, che descrive la metodologia adottata per la creazione di un nuovo modello di cooperazione tra enti pubblici e privati, per lo sviluppo economico sostenibile. Il Piano di Trasferibilità comprende anche una serie di linee guida in modo tale che tale modello sia utilizzabile in altre occasioni, da altre organizzazioni e Regioni e soprattutto nei paesi che sono al di fuori dell’attuale partnership.

I risultati di questo processo in divenire saranno pubblicati sul numero di luglio e agosto 2019 della rivista Touring Magazine. Già rintracciabile è invece l’articolo scientifico sui risultati del progetto, attualmente pubblicato nell’Economic Archive della Tsenov Academy, l’istituto internazionale di istruzione superiore economico e commerciale.