• 14.07.2019
  • #note

CYLC delle Marche: il polo della nautica di lusso della Regione Marche

Venerdì 5 luglio 2019, presso la suggestiva location della Loggia dei Mercanti di Ancona, la filiera cantieristica delle Marche ha fatto squadra prendendo parte allo sviluppo del mercato nautico della Regione. L’evento di presentazione del Cluster Yachting & Luxury Cruising CYLC delle Marche ha mostrato al pubblico un gruppo fortemente voluto dalle aziende della filiera della cantieristica, dall’Università Politecnica delle Marche e dagli Istituti di ricerca per unire sinergicamente il proprio know-how e favorire innovazione, competitività, networking, informazione e formazione continua delle risorse. 

Il Gruppo di lavoro nasce proprio in questi giorni all’interno del Cluster “e-Living”, uno dei quattro Cluster promossi dalla Regione Marche, pensati per aggregare Imprese, Università e enti di ricerca. Una sinergia, quella dei cluster, che dal 2013 lavora sul territorio per favorire il dialogo tra mondo accademico, imprenditoriale e pubblica amministrazione con l’obiettivo di sviluppare l’innovazione partendo da presupposti e obiettivi comuni.


Davanti a Autorità e Istituzioni, stampa, addetti della filiera e cittadinanza sono stati presentati i 14 Soci del gruppo: AMS Advanced Mechanical Solutions, Cantiere delle Marche, Cantiere Rossini, Cantori, CRN/Ferretti Group, Fincantieri, FM Architettura d'Interni, Furlanetto International, Luxury Projects, Palumbo Superyachts, SailADV, Studio Massari, Team Italia, Videoworks
 

La cantieristica è il settore più strategico per la città di Ancona” così esordisce l’Assessore alle Politiche del Porto Comune di Ancona, Dott.ssa Ida Simonella, e prosegue: “Nel 2013 quando ci siamo insediati, era già in crisi; oggi la situazione è totalmente cambiata. C’è una nuova generazione di attività attorno ai cantieri minori e abbiamo il dovere, come città, di accompagnare questa grande occasione di sviluppo”. 

La percezione dell’Assessore è confermata dai dati esposti dal Rettore Prof. Sauro Longhi, il quale aggiunge che “dal 2011 al 2018 il settore della cantieristica è cresciuto di 10 punti percentuali. Le Marche, nell’economia del mare a livello italiano, sono in un’ottima posizione, al 6° posto. Il 4,5% del PIL delle Marche è rappresentato proprio dal mare. Ecco perché c’è bisogno di strutturarsi a livello regionale e nazionale per far sì che si possa considerare, quello marchigiano, un vero e proprio distretto della nautica. Considerando inoltre, sulla base degli ordini mondiali, per le Marche, una quota prudente di mercato del 3-4% possiamo stimare il valore dell’industria rappresentata da CYLCM in un miliardo di euro all’anno, praticamente esportato sopra il 90%. Per gli addetti, siamo ben sopra i 2.000 addetti a livello marchigiano (dati CNA)”.

Infine, prima di lasciare il palco ai membri del cluster e alle loro presentazioni, il Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, Dr. Rodolfo Giampieri, conclude dicendo che “È importante ringraziare gli Imprenditori illuminati del nostro territorio per l’impegno che mettono in tutte le loro attività creando una forte occupazione. Dobbiamo unirci per rendere le prassi amministrative più snelle nell’ottica della crescita e dello sviluppo”. 


Insomma, confrontarsi sulle problematiche della cantieristica e definire strategie comuni per la crescita del settore: questi sono gli obiettivi del cluster, per investire e lavorare spalla a spalla per lo sviluppo dell’economia del mare, dei trasporti e delle tecnologie per gli ambienti di vita del territorio.

“Il cluster organizza un sistema che sta crescendo in maniera molto forte – spiega il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Rodolfo Giampieri – vuol dire riconoscere alla cantieristica di qualità un ruolo primario nello sviluppo economico del territorio marchigiano. I dati lo confermano, alta densità occupazionale, alta specializzazione, alta qualità. Col bello stiamo ricostruendo l’economia all’interno delle Marche.”

Partecipare a questa iniziativa è stata un'azione naturale. Da tanti anni, infatti, investiamo le nostre energie nel settore nautico sviluppando progetti di comunicazione integrata per le aziende che ne fanno parte. Quattro delle quattordici aderenti al cluster corrispondono a nostri clienti consolidati. L'evento di venerdì è stato una conferma e siamo molto onorati di dare un nostro contributo allo sviluppo della nautica marchigiana.